Archivi categoria: Storia

Contributi su: storia in generale, storia della Scoutismo a Lamezia Terme e influenza dello scoutismo nella società lametina

Grazie per aver camminato con noi…

1966-Salvatore SalvatoriMartedì 5 maggio a Roma nella Basilica di S. Giovanni Battista dei Fiorentini, sarà celebrata una S. Messa in suffragio dei capi scout italiani, nel 32° della dipartita del capo scout emerito, prof. Salvatore Salvatori. 

Francesco Marchetti

Oggi, era dei computer, si usa spesso il termine memorizzare con l’accezione di compiere un’azione che permetta di conservare, per tenere a disposizione. Ma fare memoria ha anche il senso di ricordare per continuare, per non dimenticare, per non deformare una idea costitutiva. Continua la lettura di Grazie per aver camminato con noi…

Scoutismo a Nicastro: la preistoria

“… ricordando coloro che sono stati il vero fulcro dello scoutismo lametino, ieri oggi e sempre, che hanno fatto sì che l’idea si perpetuasse nel tempo e rimanesse nelle coscienze di tutti i noi…”

Augusto Porchia

I ricordi più lontani risalgono al 1954: i miei otto anni mi facevano appartenere alle “Fiamme Verdi” dell’Azione Cattolica diocesana.

Una figura di donna mite, buona, dolce, profondamente cristiana, dall’età notoriamente indefinibile ci guidava e ci parlava di Gesù, di come lo stesso vuole bene a tutti, sempre e comunque, anche ai cattivi ed ai peccatori; si chiamava Nice Gargano ma era universalmente conosciuta come “Donna Nice”, e per un senso di rispetto ed anche perché apparteneva ad una famiglia di un certo rango sociale. In tutta la mia vita non ho conosciuto nessuno che la eguagliasse in mitezza e dolcezza, amalgamate da una fede limpida e forte….

Se vuoi leggere  il resto dell’articolo o scaricarlo, clicca qui sotto:
Augusto Porchia – Scoutismo a Nicastro: la preistoria

Cinquant’anni dopo: Quaderno di un Rover

Italo Leone

Don Saverio-1cVedete, io sono in questo momento qui e guardo con questa visuale. Voi state guardando con un’altra; la mia verità è relativa, la vostra verità è relativa. Mettiamole insieme e allora avremo la verità di tutta questa stanza e di tutte le persone che ci sono, presa da tutti i lati e quindi oggettivamente vera. Così è nelle idee che noi abbiamo, noi siamo influenzati, decisamente. La libertà dall’influenza dipende proprio dall’ascoltare con umiltà, scusate il termine, e con libertà tutto ciò che gli altri ci dicono…” (don Saverio Gatti)

Ho trovato queste parole di don Saverio nella sede del MASCI di Nicastro. Non so chi abbia posto là questo scritto né da quale conversazione e quando sia stato registrato. Ma, per quello che io ricordo della personalità di don Saverio, queste parole si adattano perfettamente al suo carattere e al suo magistero di quegli anni entusiasmanti che videro la nascita dello scoutismo a Lamezia in una Chiesa aperta al dialogo e alla modernità. Con queste parole e con questo spirito tenterò di ricostruire l‟avventura dello scoutismo a Lamezia […]

Se vuoi leggere  il resto di questo saggio o scaricarlo, clicca qui sotto:
Italo Leone – Cinquant’anni dopo: Quaderno di un Rover