Archivi tag: società oggi

Il Paradiso perduto

La strage di un gruppo umano che viveva tranquillamente da migliaia d’anni in Amazzonia e che, per sua disgrazia, ha intralciato l’avidità di uomini appartenenti alla cosiddetta civiltà di oggi.

Italo Leone

“I corpi fatti a pezzi e gettati nel fiume. Aperta un’indagine sul massacro di dieci persone appartenenti ai gruppi indigeni ”incontattati” che popolano le zone più remote della foresta amazzonica.”

                 Abitanti dell’Amazzonia

E’ il titolo di un articolo che si trova su You Tube.
L’evento, ignorato dai media, ha avuto lo spazio di un trafiletto nella cronaca internazionale di qualche rivista, segno chiaro dell’ indifferenza della nostra società avanzata.
Continua la lettura di Il Paradiso perduto

Io. Robot

L’Occidente tecnologico vive ormai in simbiosi con oggetti ‘smart’, intelligenti, da cui in parte dipendiamo.
Quali sono i problemi sociali connessi al fenomeno e quali gli sviluppi possibili? Che succederà se si costruiranno robot umanoidi, i nuovi schiavi di un’umanità sempre più disumanizzata e di una robotica sempre più umana? Ho tentato di rispondere in modo semplice.

Italo Leone

Mi è capitato in questi giorni di vacanza di rileggere uno dei più bei libri di fantascienza, la Trilogia della Fondazione dello scienziato e scrittore Isaac Asimov. La trilogia risale agli anni cinquanta del XX sec. ed è la storia di uno scienziato di un lontano futuro che, prevedendo la fine dell’Impero Galattico e l’inizio di migliaia di anni di barbarie, crea una Fondazione per conservare la cultura e ripristinare la civiltà. Di Asimov è anche una serie di racconti, Io. Robot, in cui sono protagonisti dei robot costruiti per servire l’uomo e dotati di intelligenza artificiale. Continua la lettura di Io. Robot

Melchisedech e il Saladino

Una lezione dal Medioevo

Italo Leone

La cronaca recente riporta ancora una volta la notizia di un attentato a sfondo religioso: due kamikaze si sono fatti esplodere prendendo di mira altrettante chiese a Tanta e ad Alessandria in Egitto. Lo Stato islamico ha rivendicato la responsabilità degli attacchi.
In un mondo globalizzato, che tende all’omologazione, anche l’appartenenza a un credo religioso può costituire motivo di difesa della propria identità, ed è un fatto che tra le fedi religiose quelle tradizionali monoteistiche, che credono nella superiorità del messaggio di cui si sentono depositarie, sono le più estremistiche.
Continua la lettura di Melchisedech e il Saladino

La logica nel messaggio

Oggi la preoccupazione palese o inconscia di molti è se il pensiero sequenziale tipico del testo latino sia ancora possibile… tuttavia i processi propri di ogni sistema computerizzato sono ancora soggetti alla logica binaria che presuppone la definizione e il limite, come accadeva nel pensiero classico.

Italo Leone

Sembra che oggi la scuola italiana si allontani sempre più dallo studio delle lingue classiche, il greco e il latino, in nome di una società che richiede la conoscenza delle lingue moderne e in particolare della lingua inglese.
Inseguendo la modernità, abbiamo dimenticato che per molti secoli prima di Cristo e per quasi duemila anni d.C., le due lingue classiche hanno formato generazioni di giovani, educando la loro mente e foggiando i loro comportamenti come cittadini comuni, come uomini di governo o come addetti alla formazione di altri giovani.
Continua la lettura di La logica nel messaggio

Il padre che non c’è

La società di oggi è diventata una società laica che tende a reclamare i diritti ma ha difficoltà ad accettare l’imposizione di doveri e regole.

Italo Leone

Cosimo Rosselli – Discesa dal Monte Sinai

Mercoledì 26 aprile 2017, all’UNITER, Università della Terza Età e del Tempo Libero di Lamezia Terme, è stato presentato il libro Di Tiziana Iaquinta, professoressa di Pedagogia, e di Anna Salvo, Psicoterapeuta, Generazione TVB: gli adolescenti digitali, l’amore e il sesso.
Le due relatrici, basandosi sulla propria esperienza del mondo giovanile e sulla loro formazione professionale, sono riuscite a cogliere i problemi degli adolescenti di oggi, abituati ormai a coltivare amicizie virtuali attraverso i social, ad essere costantemente connessi in rete al gruppo dei pari, e d’altra parte a essere poco disponibili ad aprirsi ai genitori e a raccontare i problemi di un’età di rapida trasformazione come l’adolescenza. Tale atteggiamento si traduce anche nell’imitazione acritica dei comportamenti dei protagonisti del mondo televisivo o dei video che girano su internet.
Continua la lettura di Il padre che non c’è

Dare a Cesare…

La complessa costruzione culturale di ogni società

Italo Leone

Matteo (22,15-22) e Marco (12,13-17) riportano nei loro vangeli, quasi con le medesime parole, la risposta di Gesù ad alcuni Farisei inviati per metterlo in difficoltà di fronte al potere romano. Alla domanda se è lecito pagare il tributo all’Imperatore, Gesù chiede di portargli un denaro e, mostratolo, domanda di chi è l’immagine impressa sulla moneta. E quando quelli rispondono che è di Cesare, Gesù dice: “Rendete a Cesare le cose di Cesare e a Dio le cose di Dio”. Continua la lettura di Dare a Cesare…

Il problema dell’istruzione pubblica in Italia

Da venti anni circa il declino della scuola superiore è sempre più evidente… A questo si aggiunge anche una insufficiente attenzione dello Stato alla formazione dei docenti e alla didattica delle diverse discipline.

Italo Leone

Il rapporto di lavoro è prima di tutto un rapporto di fiducia. È per questo che lo si trova di più giocando a calcetto che mandando in giro dei curriculum“. Questo il pensiero espresso da Giuliano Poletti, ministro del Lavoro del governo Gentiloni, in un incontro con gli studenti di un Istituto di Bologna.
Continua la lettura di Il problema dell’istruzione pubblica in Italia

I nuovi sofisti e la deriva dell’Occidente

Il dramma più grande della nostra epoca, tra la fine del XX sec.  e l’inizio del XXI, è la fine della ricerca del ‘vero’ e il ritorno dei sofisti.

Italo Leone

Nell’Atene del V sec.  a.C. ebbe fortuna, presso i ceti più potenti e che aspiravano a far sentire la propria voce nell’assemblea dei cittadini, un gruppo di uomini definiti sofisti, cioè uomini colti e capaci di saper esporre le proprie argomentazioni in modo efficace e convincente. Per definizione il loro fine non era di proporre una qualche verità, ma di convincere quanta più gente possibile che quello che sostenevano sui più vari argomenti, dalla morale alla religione o alla politica, era da considerarsi giusto. Ciò che contava era proprio l’abilità retorica nel convincere. Continua la lettura di I nuovi sofisti e la deriva dell’Occidente

Le parole e le cose

Una veloce panoramica della realtà sociale ed economica dei nostri tempi.

Italo Leone

Viviamo in una società in cui i rapporti familiari tra coniugi, tra padri e figli, tra fratelli sono diventati più difficili per incomprensioni, intolleranza, egoismi di vario genere.
Anche tra amici molto è cambiato e all’amicizia come comunanza di sentimenti e di valori si è sostituita spesso l’aggregazione finalizzata allo scambio reciproco di favori, all’appoggio clientelare mascherato da una patina di ideologia, basata spesso su luoghi comuni mediaticamente diffusi da agenzie a loro volta clientelari.
Sempre più si ha l’impressione che le opinioni sostenute nei dibattiti televisivi o dai giornali più importanti e avvalorate da “pensatori”  influenti siano dettate da evidenti interessi personali o dagli interessi di categorie privilegiate della società. Continua la lettura di Le parole e le cose

17 aprile 2016: Referendum trivelle

Da una rilevazTrivelle in mareione dell’istituto demoscopico Swg (commissionata dalla Conferenza delle Regioni, realizzata il 15 e 16 febbraio)  emerge che solo il 22% degli italiani è «ben informato» sul referendum sull’estrazione del petrolio, il 40% ne ha solo sentito parlare «vagamente» e il 38% non ne è a conoscenza.
L’articolo che segue vuole essere un piccolo contributo informativo sull’argomento.

Francesco Marchetti

Continua la lettura di 17 aprile 2016: Referendum trivelle